RITRATTO DI UNO STILE Diego Dolcini disegna scarpe. La definizione, tuttavia, è insufficiente a definire le sue creazioni. Sculture, oggetti del desiderio dalle altezze perfettamente bilanciate, linee essenziali e materiali pregiati. Le sue scarpe indossate dalle donne più affascinati del mondo, sanno trasmettere sensualità ed eleganza. Scarpe, da collezionare, senza tempo. Creazioni che nascono da idee forti e sensazioni profonde, ispirate al costume e al design. La collezione Diego Dolcini si ispira al mondo dell’arte, del cinema e dell’architettura. Idee vissute e filtrate attraverso un approccio cosmopolita. Creazioni speciali: pezzi limitati dal tratto forte e deciso disponibili nelle boutique più esclusive del mondo. Questo è il senso più profondo delle creazioni di Diego Dolcini: manifestazioni fantastiche sospese tra abilità artigianale e tecnologie innovative. DIEGO DOLCINI Diego Dolcini nasce a Napoli, ma si considera cittadino del mondo. Dopo gli studi di Architettura al Politecnico di Milano e l’Accademia di Belle Arti di Bologna vince una borsa di studio per il master in fashion design presso la Domus Academy di Milano. Da subito avvia un’intensa e fortunata attività di collaborazione con aziende importanti nel settore della moda: Nel 1999 disegna gli accessori per le sfilate di Emilio Pucci e Bulgari. Dal 2001 al 2004 collabora con Tom Ford come Direttore Creativo delle calzature uomo e donna della Gucci. Nel 2004 e 2005 collabora con Dolce&Gabbana come coordinatore creativo del settore accessori. Dal 2006 è protagonista di un progetto innovativo di alta gamma per lo storico marchio Scholl e collabora con altri prestigiosi marchi di abbigliamento ed accessori, quali Max Mara, Casadei e Trussardi 1911. Nel corso della sua carriera, la sua creatività è stata più volte apprezzata e premiata da numerosi riconoscimenti internazionali. LA STORIA DEL PRODOTTO Il marchio Diego Dolcini nasce in Italia nel 1994 e debutta a Parigi. La griffe dal 1997 vede il suo atelier nel cuore di Bologna, nel cinquecentesco Palazzo Bocchi. Da ottobre del 2008 lo studio si trasferisce in uno spazioso Loft alle porte di Bologna, in cui il designer riesce ad affermare la propria creatività anche sotto il profilo architettonico. Diego Dolcini progetta e commercializza le sue collezioni con il contributo di uno staff di collaboratori giovani e dinamici. Nell’aprile 2008, in collaborazione con l’artista Martino Gamper, apre la prima boutique monomarca Diego Dolcini nel quadrilatero della moda milanese, creando uno spazio originale che cattura la curiosità di artisti ed architetti. La prima collezione Diego Dolcini nasce nel pieno di un’intensa crescita stilistica avvenuta in seno ad alcune tra le più prestigiose aziende del settore calzaturiero italiano. In quegli anni lo stilista ha avuto modo di approfondire le principali problematiche produttive ed ha saputo risolverle in chiave originale, fondendole con una creatività spontaneamente audace: da un set di star items, con tacchi alti e femminili, a creazioni più formali con tacchi più bassi. Con la collezione ai 09/10, Diego per la prima volta, si cimenta con la creazione di una collezione capsula di borse. L’IMMAGINE Le scarpe di Diego Dolcini rappresentano sogni ed emozioni, ideale completamento della bellezza femminile. Veri oggetti di culto, sono indossate da: Charlize Theron, Nicole Kidman, Julia Roberts, Mariah Carey, Jennifer Lopez, Sophie Marceau, Salma Hayek. Madonna, fotografata con le scarpe Diego Dolcini da Jean Baptiste Mondino sulla copertina del suo album Music. Tra le attrici italiane hanno sedotto Maria Grazia Cucinotta, aficionada del brand sin dagli esordi, che ha voluto ai suoi piedi le sapienti creazioni anche nelle scene del film 007, Il mondo non basta della Saga di James Bond, oltre a Monica Bellucci, Chiara Mastroianni, Francesca Neri ed Eva Robin’s. Il marchio Diego Dolcini vanta anche un interessante progetto di co-branding per il noto marchio di cosmesi Helena Rubinstein, incentrata su una sinergia tra l’immagine del prodotto promosso dalla testimonial d’eccezione Demi Moore e la scarpa ‘Feline’ ideata per l’occasione dallo stilista. LA PRODUZIONE E LA DISTRIBUZIONE Per coniugare l’innovazione tecnologica dei processi produttivi con la tradizione e la sapienza delle lavorazioni hand-made, Diego Dolcini ha selezionato nel corso degli anni alcune tra le migliori imprese artigiane calzaturiere cresciute nel distretto produttivo emiliano-romagnolo, da sempre uno dei fulcri del Made in Italy del settore. Fin dal suo esordio le calzature create da Diego Dolcini si sono connotate come un prodotto destinato ad una selezionata clientela di donne raffinate, attente alle tendenze della moda, ma capaci di viverle con sicurezza ed originalità. L’eleganza, la femminilità ed il lusso sono i tratti fondamentali delle scarpe Diego Dolcini.